mercoledì 8 febbraio 2017

Recensione film: Split

Salve a tutti, cari lettori!
Mi sto riprendendo dall'influenza e oggi vi voglio parlare di un film uscito nelle sale lo scorso mese, che ho avuto occasione di guardare nel fine settimana e che mi ha lasciata senza parole.

Regia: M. Night Shyamalan 
Cast: James McAvoy, Anya Taylor-Joy, Betty Buckley e molti altri...
Genere: Thriller
Durata: 116 minuti
Anno: 2016

Trama: Anche se Kevin ha mostrato ben 23 personalità alla sua psichiatra di fiducia, la dottoressa Fletcher, ne rimane ancora una nascosta, in attesa di materializzarsi e dominare tutte le altre. Dopo aver rapito tre ragazze adolescenti guidate da Casey, ragazza molto attenta ed ostinata, nasce una guerra per la sopravvivenza, sia nella mente di Kevin - tra tutte le personalità che convivono in lui - che intorno a lui, mentre le barriere delle le sue varie personalità cominciano ad andare in frantumi.

RECENSIONE


Sebbene la trama di questo film mi ricordasse quella di Una stanza piena di gente di Daniel Keyes - che non ho ancora letto, ma conto di farlo il mese prossimo -, l'ho voluto guardare comunque, sperando che le mie alte aspettative nate dal trailer non venissero disattese.

Kevin è un ragazzo molto particolare: in lui sono racchiuse ben 23 personalità diverse, ognuna con le proprie caratteristiche, i propri pensieri e azioni. C'è Dennis, un uomo determinato e con un comportamento ossessivo-compulsivo per la pulizia; Patricia, una donna dal carattere calmo e paziente; Barry, un appassionato di moda, che si presenta alle sedute con la dottoressa Fletcher. Infine c'è Hedwig, un bambino di nove anni. La dottoressa Fletcher, che segue diversi casi di personalità multipla, vede le persone che hanno un tale disturbo come esseri superiori, e non diversi come il resto della popolazione crede. 
Dopo la festa di compleanno di Claire, suo padre si offre per riportare a casa le sue amiche Karen e Casey. Quest'ultima è una ragazza particolare, che resta sempre in disparte e che crea sempre problemi a scuola. Quando vengono rapite da Dennis, una delle personalità di Kevin, solo Casey sembra capire chi ha di fronte e sa di dover stare al gioco se vuole uscire da quella stanza.

Split non è il solito thriller, ma racconta una storia più complessa, soprattutto dal punto di vista psicologico. Il rapitore non è un uomo come gli altri, ma soffre del disturbo di personalità multipla ed è del tutto imprevedibile. Le ragazze rapite sono in un primo momento spaventate, ma solo Casey sembra capire e stare al gioco. E' di certo uno dei personaggi principali, rispetto a Claire e Karen, che ad un certo punto vengono messe in disparte. Oltre a Kevin e Casey, il rapitore e una delle vittime, un altro personaggio quasi fondamentale è la dottoressa Fletcher, una donna di mezza età decisa a interagire con le altre personalità di Kevin e scoprirne i vari aspetti. Lei è l'eroe mancato, perché capisce di cosa è capace il suo paziente e cosa ha fatto, ma purtroppo non riesce a portare a termine la sua missione.
Questo è il primo film che ho visto in cui il protagonista ha un disturbo dissociativo dell'identità, ma è davvero sconcertante scoprire quanto possa essere difficile da gestire, nonostante tutte le personalità si muovano con uno schema ben preciso. Infatti, vi sono personalità più o meno potenti e sono le prime a decidere chi si può alzare e manifestare in Kevin. 
Il film è scorrevole, intrigante sin dalle prime scene e davvero suggestivo. Non tutte le personalità vengono mostrate, ma vi sono anche qui dei protagonisti in un solo corpo, quello di Kevin, ma tutte arriveranno all'apice con la Bestia, una creatura non del tutto umana che avrà forza e capacità straordinarie. Vi sono numerosi flashback riguardanti la vita di Casey, che si rivela molto astuta e coraggiosa. Il finale non contiene colpi di scena, ma mi è piaciuto molto per l'interpretazione che ognuno può dare e rimane in linea con il resto della storia. Le mie aspettative sono senza dubbio state rispettate, se non addirittura superate.

Una pellicola che mi ha stupita e che, a mio parere, merita il massimo dei voti. Se non l'avete ancora visto, cosa aspettate? Correte al cinema, non ve ne pentirete!

Voto
★★★★★

4 commenti:

  1. L'ho visto qualche sera fa e mi è piaciuto molto, James McAvoy bravissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è piaciuto moltissimo, James McAvoy è bravissimo e mi ricordava un ragazzo che conosco, immagina che ansia! xD

      Elimina
  2. Ciao Silvia, grazie per la tua recensione! Sono sempre stata molto interessata all'argomento del disturbo dissociativo di personalità. Ho letto "Una stanza piena di gente" (molto bello, sono certa che ti piacerà) e ho cercato invano Sibyl, riuscendo solo a trovare la sua versione cinematografica (per giunta, in lingua originale). Ho anche visto United States of Tara, che è una serie tv snobbata un po' da tutti con protagonista la bravissima Toni Collette che interpreta una donna con 4 personalità diverse (consigliatissima). Ovviamente Split sarà la mia prossima preda, anche perché io AMO E VENERO James McAvoy dai tempi di Penelope! :D Grazie per la tua opinione, spero di averti dato qualche suggerimento per ulteriori approfondimenti sulla materia! ;) Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Duille ❤
      Sei una fonte preziosa di informazioni, corro subito a cercare i titoli che mi hai consigliato! *-*
      A me Split è piaciuto davvero moltissimo, come avrai potuto notare dalla recensione, e James McAvoy è davvero bravissimo in tutte le sfaccettature delle sue personalità.
      Non posso far altro che consigliartelo vivamente, non ti deluderà!

      Elimina