mercoledì 11 gennaio 2017

Recensione film: Joy

Buon pomeriggio, lettori!
Durante le vacanze natalizie ho avuto modo di recuperare qualche film che mi ero lasciata sfuggire all'uscita nelle sale e sono felice di potervene finalmente parlare. Il primo titolo che vi propongo è Joy, ispirato alla vita di Joy Mangano, che mi ha fatto provare emozioni contrastanti.

Regia: David O' Russell
Cast: Jennifer Lawrence, Robert De Niro, Bradley Cooper e molti altri...
Genere: Drammatico
Durata: 124 minuti
Anno: 2015

Trama: Joy è la storia turbolenta di una donna e della sua famiglia attraverso quattro generazioni: dall'adolescenza alla maturità, fino alla costruzione di un impero imprenditoriale che sopravvive da decenni. Liberamente ispirato alla vita di Joy Mangano, inventrice di prodotti per la casa di enorme successo e star delle televendite americana, Joy ci trasporta nel mondo dell'umile ma travagliata famiglia Mangano e della figlia ribelle che è partita dal nulla per creare un impero. Animata da un forte istinto creativo, ma anche dal desiderio di aiutare le persone intorno a sé, Joy dovrà affrontare il tradimento, l'inganno, la perdita dell'innocenza e le ferite dell'amore prima di trovare la forza ed il coraggio di inseguire i propri sogni. Il risultato è una commedia umana e toccante su una donna alle prese con lo spietato mondo del commercio, col caos della sua famiglia e con i misteri dell'ispirazione creativa. E sulla sua capacità di trovare, in mezzo a tutto ciò, la felicità.


RECENSIONE


La storia inizia con una Joy bambina, che ama inventare e costruire cose e passare il tempo con la sua amica del cuore. Poi cresce e conosciamo la Joy adulta, la cui vita non è affatto facile. E' divorziata, ha due figli a cui badare e una madre che vive in camera sua, perennemente incollata al televisore a guardare telenovelas. Lavora nel servizio a terra di una compagnia aerea, che presto complicherà ancora di più la sua vita chiedendole di fare il turno di notte. Inoltre, l'ex marito e il padre, vivono nel seminterrato e tra i due non scorre buon sangue.
Un giorno, pulendo il ponte di una barca, Joy si ferisce le mani con i cocci dei bicchieri rotti e proprio in quel momento le viene l'idea che porterà sul mercato un nuovo strumento per la pulizia della casa.
Grazie al sostegno dell'ex marito, della sua migliore amica e all'appoggio economico della nuova fidanzata di suo padre, riuscirà a costruirlo e perfezionarlo, ma non sarà facile pubblicizzarlo e venderlo.

Già all'inizio della pellicola si può intuire che Joy non avrà una vita facile. Ha un pessimo rapporto con la sorellastra Peggy e, in seguito, dovrà sopportare il divorzio dei genitori. Quando conosce Tony, un ragazzo con la passione per il canto, se ne innamora e lo sposa, illudendosi che la sua vita, la loro relazione, non sarà come quella dei genitori, che non fallirà. Nonostante il divorzio, dopo due anni Tony vive ancora nel seminterrato di Joy e l'appoggia quando decide di realizzare il suo progetto.
La madre è completamente incapace di gestire la casa e la famiglia, poiché da anni vive nella sua stanza e guarda telenovelas tutto il giorno. Tutto il peso ricade, quindi, sulle spalle di Joy, che sopporta fatiche e fallimenti senza lamentarsi. Ma quando decide di realizzare la sua idea, non si lascerà fermare da nessuno.
La storia, come accennato prima, mi ha fatto provare emozioni contrastanti. Le persone su cui Joy poteva contare si rivelano opportuniste, pronte a deluderla e farla fallire. L'unico personaggio che, diversamente da quanto si possa pensare, si accorge delle incongruenze nei contratti e nelle promesse fatte - sebbene nessuno gli dia ascolto - e che, nonostante tutto, le rimane vicino, è l'ex marito Tony.
L'ascesa di Joy è lenta, difficoltosa e intralciata da mille ostacoli. Ho esultato quando è riuscita ad ottenere ciò che voleva, mi sono addirittura commossa, ma quando è arrivato il fallimento, la delusione, non ho potuto contenere la rabbia. Una rabbia verso il mondo ingiusto degli affari, verso tutti coloro che fingevano di appoggiarla ma che, in realtà, non facevano altro che truffarla.
Joy, però, non si è fatta mettere i piedi in testa, era determinata a concludere il suo progetto e così è stato. 
Oggi siamo abituati a vedere strumenti come il mocio per le pulizie, o qualsiasi altra cosa inventata anni fa e diventata parte della nostra quotidianità, ma è stato davvero interessante vedere come tutto ha avuto origine, cosa hanno dovuto passare gli inventori e le inventrici come Joy.
E' senza dubbio un film coinvolgente, senza punti morti, che ha la capacità di emozionare e far entrare in sintonia spettatore e protagonista.
Con un cast di attori incredibile, Joy vi farà scoprire cosa si cela dietro alle grandi invenzioni, seguendo la crescita del personaggio e la sua determinazione per ottenere ciò che vuole.


Voto
★★★★✰

10 commenti:

  1. Ciao Silvia! Mi sono persa questo film, che però mi sembra davvero interessante... lo recupererò appena riesco :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono riuscita a recuperarlo e devo dire che mi ha stupita, mi è piaciuto molto! Te lo consiglio ❤

      Elimina
  2. L'ho visto pure io! Che dire? Jennifer riesce ad essere credibile in ogni ruolo! *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero incredibile come attrice, ogni personaggio lo fa suo! *-*

      Elimina
  3. Anche io me lo sono perso, ma conto di recuperarlo.
    Dopotutto squadra che vince - David O. Russell, Jennifer Lawrence, Bradley Cooper, Robert De Niro - non si cambia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione, il cast è davvero eccezionale!
      A me è piaciuto molto, buona visione ❤

      Elimina
    2. Ciao Silvia!
      Io adoro jennifer e questo film non potevo perdermelo!
      È anche una storia vera, e questo mi ha fatto entrare in sintonia con la protagonista!
      Il film mi è piaciuto moltissimo, con colpi di scena che non danno nulla per scontato. La storia di una donna che lotta per garantire un futuro ai suoi figli e che dimostra grande forza, interpretata da un'attrice bravissima! :)

      Elimina
    3. Hai proprio ragione Jasmine!
      Jennifer è bravissima e riesce a far suo ogni ruolo, in questo caso ha saputo interpretare perfettamente una donna piena di cose da fare, che però non rinuncia alla sua idea. E' piaciuto molto anche a me, coinvolgente e ricco di colpi di scena!

      Elimina
  4. Questo film lo volevo vedere da tanto! Adoro le biografie e questa storia sembrava succosa già dal trailer! Ora che ho letto anche la tua recensione, lo guarderò di sicuro! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' molto coinvolgente e mi ha fatto provare un mix di emozioni inaspettato! Se ti piacciono i film biografici, allora non lo puoi proprio perdere ❤

      Elimina