martedì 17 ottobre 2017

Segnalazione librosa: Theologia - A caccia

Buon martedì, lettori!
Oggi vi presento un romanzo molto interessante: si tratta di Theologia - A caccia, un urban fantasy scritto da una collega blogger che alcuni di voi conosceranno già, ovvero Alaisse del blog La Bella e il Cavaliere. Se volete saperne di più, non vi resta che continuare a leggere!


Autore: Alaisse Amehana
Casa editrice: Autopubblicato
Genere: Urban Fantasy
Formato: Ebook
Numero pagine: 406
Data di pubblicazione: 6 ottobre 2017
Prezzo: 2.99€
Link d'acquistoAMAZON

Trama: Vivevo tranquillo come Pulitore, lavoro degradante per un vampiro del mio calibro, ma ammetterete che coi tempi che corrono uno stipendio fisso ha il suo fascino. Poi è andato tutto in malora.
Come sempre, quando c'è qualche disastro di dimensioni colossali io ci finisco in mezzo. 
Questa volta mi sono imbattuto in una ragazzina inquietante con la capacità di mandarmi fuori di testa con un solo sguardo.  Sono certo che mi voglia morto. Avrei bisogno di alleati ma il mio talento è nel campo opposto: nel corso dei secoli ho collezionato più nemici mortali che scarpe e l'unico che ora sembra pronto ad
aiutarmi è un demone minore in grado di trasformarsi in topo.
Io avrei voluto solo essere lasciato in pace, invece mi trovo a dare la caccia a un assassino e a guardarmi le spalle da Lecroc, un licantropo che inspiegabilmente mi vuole morto da quando... beh, da sempre.
Qualcuno mi aiuti.


L'autrice

Alaisse è nata a Torino in un anno molto freddo. Si è laureata in Lingue e Culture dell'Asia e dell'Africa, che è una serie di parole per dire che sa il giapponese. Vive in una soffitta costretta a scrivere storie per le sue sei guardie senza cuore e mai soddisfatte. Ha pubblicato il primo romanzo Io sono Vera per la Rosa dei Venti Edizioni, ma solo perché l'hanno obbligata.
Si nutre di nutella, caramelle alla menta e drama coreani.

lunedì 16 ottobre 2017

Recensione: Voglio una vita a forma di me

Buongiorno e buon lunedì, lettori!
Come state? Lo so, sono giorni che non mi faccio sentire, ma purtroppo è un periodo un po' difficile e sto cercando di mettere insieme i pezzi per riuscire a saltarci fuori. Ad ogni modo, sono felice di poter condividere con voi una nuova recensione, riguardante un libro di cui avevo sentito molto parlare, soprattutto oltre oceano, ma che purtroppo non mi ha convinta. Si tratta di Voglio una vita a forma di me di Julie Murphy, edito da Mondadori.


Autore: Julie Murphy
Casa editrice: Mondadori
Genere: Romanzo per ragazzi
Formato: Cartaceo
Numero pagine: 348

Trama: Willowdean Dickson ha qualche chilo di troppo, un soprannome imbarazzante come "polpetta" e soprattutto... si piace proprio così com'è! Anche se sua madre è presidentessa di un concorso di bellezza, anche se la sua migliore amica è bionda e magra come una star, anche se nelle pubblicità le ragazze grasse sono sempre infelici oppure buffe pacioccone... Willowdean è dotata di autoironia e si è sempre sentita bene nella sua comoda, morbida pelle. Fino a quando, nel fast-food in cui lavora dopo la scuola, non arriva Bo. Will se ne innamora, ed è qui che iniziano i problemi. Perché Bo sembra ricambiare. Invece di salire alle stelle, all'improvviso le certezze di "polpetta" crollano. Perché l'amore può far sentire così inadeguati, a disagio, imperfetti?


RECENSIONE


Sebbene lo abbia preso per pura curiosità, dopo averne sentito parlare più volte e anche in modo positivo, ho deciso di dargli una possibilità. Non mi aspettavo niente di particolare e forse è stato meglio così. 

Willowdean Dickson è un'adolescente con una vita ordinaria: frequenta il liceo, condivide ogni momento libero con la sua migliore amica Ellen e lavora in un fast-food. Nonostante il suo corpo non sia perfetto, i chili di troppo non sembrano essere un problema per lei, almeno fino a quando non incontra Bo, un suo coetaneo e collega di lavoro. Sulle note di Dolly Parton, seguiamo la storia di Willowdean alle prese con la sua vita, tra storie d'amore e insicurezze.

Sicuramente Julie Murphy è riuscita a coinvolgermi, tant'è che mi sono tuffata nella storia dopo solo un capitolo, e a tenere viva la mia attenzione, il mio coinvolgimento, fino alla fine.
La storia di Willowdean è una storia in cui molti di noi possono ritrovarsi: chi non ha mai trovato dei difetti guardandosi allo specchio? Chi non si è mai innamorato e non ha mai desiderato essere perfetto per quella persona? Quando Willow conosce Bo, un ragazzo davvero affascinante, è sicura che tra loro non funzionerà mai. Il destino, però, è pronto a sorprenderla, facendo nascere tra di loro una storia d'amore un po' complessa, una via di mezzo tra l'insicurezza, il desiderio di mantenerla segreta e un briciolo di indecisione. Willowdean, in questa situazione complicata, sente la mancanza di sua zia Lucy, anche lei grande fan di Dolly Parton, che aveva sempre la parola giusta per ogni momento. Dato che le insicurezze stanno venendo a galla, Willow, che si è sempre trovata bene con il proprio corpo e che ha sempre trovato inutile il concorso di bellezza di cui sua madre è coordinatrice, decide di iniziare una propria rivoluzione personale, iscrivendosi al concorso, per dimostrare che essere felici, avere una relazione sentimentale con qualcuno ed essere liberi di fare ciò che si desidera non è un diritto che spetta solo alle persone magre e perfette.

Voglio una vita a forma di me affronta senza dubbio temi importanti, forse centrali nella fase adolescenziale di ogni persona e che probabilmente tutti, almeno una volta nella vita, abbiamo affrontato. Mi è piaciuto il modo in cui la protagonista decide di rompere gli schemi e fare la sua rivoluzione personale, trascinando con sé anche altre ragazze che, a causa del loro aspetto fisico, non vengono considerate molto dalle altre persone.
Quello che però ho trovato debole è il contorno della storia, ovvero ciò che accade oltre l'obiettivo del concorso di bellezza. Un triangolo amoroso che avrei evitato, perché per metà è puro egoismo; la fine di un'amicizia dovuta alla crescita e all'intraprendere strade diverse; un modo di affrontare i problemi abbastanza infantile, per lo più scappando da essi. L'evoluzione e la crescita dei personaggi è indubbiamente presente, ma non porta a riflessioni o atteggiamenti nuovi.
Lo stile usato dalla Murphy è senza dubbio coinvolgente e veloce, tanto da farmi divorare i capitoli uno dopo l'altro, ma una volta chiuso il libro mi ritrovo a pensare ad una storia con un tema centrale molto importante, a cui però l'autrice ha aggiunto anche altri aspetti, senza riuscire ad approfondirli come si deve. 

Voto
★★★✰✰

lunedì 9 ottobre 2017

Recensione: Coraline

Buongiorno e buon lunedì, lettori!
Avete trascorso un buon weekend? Avete fatto qualche gita fuori porta?
Io ho ricaricato un po' le energie e sono pronta per affrontare questa nuova settimana. Qualche giorno fa ho iniziato un nuovo libro, Dream Hunters di Myriam Benothman, di cui vi ho parlato in questa Segnalazione librosa la settimana scorsa.
Oggi, però, voglio parlarvi di un libro per ragazzi che ho letto lo scorso mese e che mi ha piacevolmente sorpreso. Si tratta di Coraline di Neil Gaiman, con cui sono riuscita a completare tre obiettivi della Reading Goals Challenge ideata da Divoratori di Libri.



Autore: Neil Gaiman
Casa editrice: Mondadori
Genere: Dark Fantasy
Formato: Cartaceo
Numero pagine: 182

Trama: In casa di Coraline ci sono tredici porte che permettono di entrare e uscire da stanze e corridoi. Ma ce n'è anche un'altra, la quattordicesima, che dà su un muro di mattoni. Cosa ci sarà oltre quella porta? Un giorno Coraline scopre che al di là della porta si apre un corridoio scuro, e alla fine del corridoio c'è una casa identica alla sua, con una donna identica a sua madre. O quasi. 


RECENSIONE


Coraline è una bambina solitaria che vive con i suoi genitori in una casa apparentemente normale, se non fosse per i vicini un po' bizzarri - due ex attrici teatrali e un anziano signore che tenta di addestrare una banda di topi - e una porta misteriosa nel suo appartamento. Da quando si sono trasferiti, sua madre le ha sempre detto che dietro la porta misteriosa c'è un muro di mattoni, costruito per separare il loro appartamento e quello adiacente, rimasto disabitato.
Un giorno, però, aprendo la porta, Coraline non trova il muro di mattoni, ma un corridoio lungo e buio. Percorrendolo tutto, arriva ad un'altra porta che dà accesso ad un altro appartamento identico al suo, in cui vivono due persone identiche ai suoi genitori, e anche i vicini sembrano proprio quelli che è solita incontrare. Ma ben presto si renderà conto che si tratta di una realtà un po' diversa da quella in cui vive ogni giorno...

Questo è stato il primo libro di Neil Gaiman che ho letto e che dire, l'ho adorato!
Essendo un libro per bambini/ragazzi, ero un po' scettica e, nonostante tutti ne avessero parlato benissimo e mi fosse stato consigliato in più occasioni, temevo che non avrebbe avuto alcun effetto su di me, ma mi sbagliavo di grosso.
L'autore è riuscito a creare una storia davvero coinvolgente, con atmosfere molto suggestive, che a volte sono riuscite a farmi provare ansia e timore. Coraline è senza dubbio una bambina sveglia, che riesce a trovare la soluzione ai problemi che incontra man mano, senza disperarsi o risultare troppo infantile. Certo, lei stessa ammette di sentire la mancanza dei genitori, ma non reagisce in maniera eccessiva davanti a situazioni spaventose, non si lamenta e dispera quando scopre che da un momento all'altro tutto potrebbe cambiare a causa dei veri intenti della "seconda madre", bensì cerca di trovare una soluzione.
Lo stile è molto semplice, scorrevole e riesce a catapultare il lettore nella storia sin dalle primissime pagine. Le atmosfere create sono riuscite a smuovere in me emozioni e sensazioni davvero inaspettate e sono davvero curiosa di leggere qualche altra opera di questo bravissimo autore.
Non si è mai troppo grandi per leggere libri per ragazzi e Neil Gaiman merita senza dubbio una possibilità!

Voto
★★★★★

venerdì 6 ottobre 2017

5 libri che voglio rileggere

Buon venerdì, lettori!
Siete pronti per il fine settimana? Io ne ho un disperato bisogno e anche se gli impegni non mancheranno, spero di riuscire a ricaricare le energie.
Oggi ho deciso di proporvi qualcosa di diverso dalle solite recensioni e segnalazioni, cimentandomi nelle liste (che a quanto pare piacciono molto) e stilando un piccolo elenco di titoli che vorrei rileggere al più presto.

Non so voi, ma io tendo sempre a dare la precedenza ai libri che non ho ancora letto, lasciando in disparte quelli che ho già letto e a cui desidero dare una seconda occasione. Forse il momento in cui li ho letti non era il migliore o forse la storia non mi aveva particolarmente colpita, ma mi piacerebbe fare questo "esperimento" per vedere se, a distanza di anni, qualcosa è cambiato.





















NON LASCIARMI di Kazuo Ishiguro » Questo libro l'ho letto diversi anni fa, se non sbaglio ero all'inizio delle superiori. Avevo aspettative molto alte, che sono state puntualmente deluse a causa della trasposizione cinematografica che avevo visto più volte prima di leggerlo. Ora, però, vorrei riprovarci, perché la storia raccontata mi piace molto e spero di apprezzare allo stesso modo anche lo stile dell'autore.

IL GIOVANE HOLDEN di J. D. Salinger » Avete presente quando a scuola vi dicono di leggere un determinato libro per le vacanze, senza magari porsi il problema dell'età e della maturità della persona? Ecco, per questo motivo non sono riuscita ad apprezzare questo romanzo. A dirla tutta, nemmeno ricordo di cosa parla, perciò direi che è tempo di rileggerlo e magari apprezzarlo come si deve.

NESSUNO SI SALVA DA SOLO di Margaret Mazzantini » In realtà nella mia libreria ci sono ben tre libri di questa autrice, ma ne ho scelto solo uno, quello che dal titolo mi ispirava di più. Per chi non lo sapesse, io e la Mazzantini non andiamo per niente d'accordo: non mi piace il suo stile e il suo modo di costruire le storie (di cui mi è rimasto davvero pochissimo), però quando li guardo mi chiedo se il mio approccio iniziale non fosse sbagliato. Quando comprai i suoi romanzi, questa autrice spopolava e le mie aspettative erano davvero altissime. Come potete ben immaginare, sono state puntualmente deluse, ma voglio scoprire se effettivamente non mi piace oppure l'ho disprezzata a causa del momento in cui li ho letti.

LA FATTORIA DEGLI ANIMALI di George Orwell » Come sapete, mi piace molto Orwell. Ho letto più volte 1984, era addirittura l'argomento della mia tesina di maturità, ma se mi chiedete cosa ricordo de La fattoria degli animali, la mia risposta sarà alquanto vaga. Per rimediare a questa situazione, la soluzione è rileggerlo con coscienza e una visione più matura del mondo.

CIME TEMPESTOSE di Emily Brontë » Sebbene questo libro io lo abbia letto tre anni fa, credo di non averlo apprezzato come si deve. Si tratta di un grande classico e io con i classici inizio ad avere un rapporto discreto solo adesso, perciò potrei provare a rileggerlo e vedere se la mia impressione cambierà.


Questi erano i cinque titoli che vorrei rileggere quanto prima. I vostri quali sono? 
Fatemelo sapere in un commento, io vi saluto, vi auguro un buon fine settimana e ci leggiamo nel prossimo post!

giovedì 5 ottobre 2017

Segnalazione librosa: Donna d'onore

Buongiorno, amanti della lettura!
La mia settimana universitaria sta per volgere al termine, ma nel weekend non mancheranno lo studio e il ripasso delle lezioni passate. Come vi dicevo, sono ancora alla ricerca di un equilibrio tra studio e tempo libero e questo mese sarà un po' un esperimento.
Parlando di libri, oggi vi presento il nuovo romanzo di Irene Colabianchi, autrice che avrete già conosciuto per la Boogeyman Saga e Il bacio di Ade. Il nuovo romanzo si intitola Donna d'onore e si discosta un po' dai generi di cui si è occupata in precedenza. Scopriamolo insieme!


Autore: Irene Colabianchi
Casa editrice: Autopubblicato
Genere: Mafia Romance
Formato: Cartaceo / Ebook
Numero pagine: 306
Data di pubblicazione: 11 settembre 2017
Prezzo: 14.49€ (cartaceo) / 2.99€ (ebook)
Link d'acquistoAMAZON

Trama: DANTE…
Spietato. Freddo. Bestiale.
Mi chiamo Dante Morelli, ma tutti mi conoscono come il Boia. Sono un animale, la bestia dentro di me graffia la mia anima, impaziente di sfogarsi sui miei nemici e sui traditori. Io sono l'uomo che non vorresti mai incontrare, l'uomo di cui non vorresti mai innamorarti. Sono giovane, sveglio, so giocare bene le mie carte. La Mafia italo-americana mi appartiene, io la comando.
E poi c'è lei, Angelica.
Ho accettato di diventare suo marito per seguire il codice d'onore, ma non mi serve una moglie, solo una donna che soddisfi i miei desideri carnali.
Ma Angelica... Angelica è mia.
E distruggerò chiunque oserà anche solo sfiorarla.

ANGELICA…
Determinata. Bella. Indipendente.
Mi chiamo Angelica La Rosa, ma tutti ora mi chiamano signora Morelli.
C'è una taglia sulla mia testa, gli avvolti sono pronti a divorarmi... e sono stata costretta a sposare l'uomo più temuto, rispettato e potente della Mafia italo-americana per avere protezione.
Non ho alcuna intenzione di lasciarmi rovinare da Dante, dai suoi occhi scuri, dai suoi modi bruschi e irrispettosi, che confermano il suo nome.
Il Boia... sono la moglie del Boia, il figlio prediletto del diavolo.
Ma ogni giorno di più mi è impossibile rimanere cieca al suo fascino, al suo modo di proteggermi.
Lui ha la mia vita in mano, la mia mente... il mio corpo.
Sono spacciata.


Nota dell'autrice

Consiglio una lettura consapevole, poiché il libro contiene uno stile di vita tipicamente criminale, non consono a normali comportamenti del vivere civile quotidiano. Inoltre vi sono descritte scene di sesso esplicito.

mercoledì 4 ottobre 2017

Recensione: Il circo della notte

Buongiorno, lettori!
Oggi finalmente riesco a proporvi la recensione di un libro che ho letto il mese scorso e su cui avevo grandi aspettative. Si tratta de Il circo della notte di Erin Morgenstern, edito da Rizzoli. Sarà riuscito a conquistarmi?


Autore: Erin Morgenstern
Casa editrice: Rizzoli
Genere: Narrativa
Formato: Cartaceo
Numero pagine: 476

Trama: Appare così, senza preavviso. La notizia si diffonde in un lampo, e una folla impaziente già si assiepa davanti ai cancelli, sotto l'insegna in bianco e nero che dice: "Le Cirque des Rèves. Apre al crepuscolo, chiude all'aurora". È il circo dei sogni, il luogo dove realtà e illusione si fondono e l'umana fantasia dispiega l'infinito ventaglio delle sue possibilità. Un esercito di appassionati lo insegue dovunque per ammirare le sue straordinarie attrazioni: acrobati volanti, contorsioniste, l'albero dei desideri, il giardino di ghiaccio... Ma dietro le quinte di questo spettacolo senza precedenti, due misteriosi rivali ingaggiano la loro partita finale, una magica sfida tra due giovani allievi scelti e addestrati all'unico scopo di dimostrare una volta per tutte l'inferiorità dell'avversario. Contro ogni attesa e contro ogni regola, i due giovani si scoprono attratti l'uno dall'altra: l'amore di Marco e Celia è una corrente elettrica che minaccia di travolgere persino il destino, e di distruggere il delicato equilibrio di forze a cui il circo deve la sua stessa esistenza.


RECENSIONE


Le Cirque des Rèves si presenta all'improvviso in qualche città del mondo, senza volantini  o cartelli ai lati delle strade che ne annunciano l'arrivo. Si tratta di un circo notturno, che apre i battenti al crepuscolo e li chiude all'alba e, quando il sole è alto nel cielo, sembra non esserci alcun essere umano al suo interno. 
Marco è solo un ragazzino quando viene adottato da una delle presenze più importanti all'interno del circo, da colui che gli insegnerà tutto ciò che dovrà sapere per essere un bravo illusionista ed essere in grado di maneggiare al meglio questa magia. Celia, invece, è figlia di un personaggio leggendario, che le insegnerà tutto sull'illusionismo. I due ragazzi, però, non sanno che sono in competizione e che la vittoria di uno dei due avrà conseguenze terribili.

Erin Morgenstern è riuscita senz'altro a creare un circo nel quale regna un'atmosfera magica. Tendoni bianchi e neri, dentro ai quali si mettono in scena spettacoli che lasciano a bocca aperta. 
Sebbene sia impossibile accedervi durante il giorno, Bailey riesce a farci scoprire anche gli angoli più remoti. Intrufolatosi per caso all'interno dei tendoni per vincere una scommessa con la sorella, farà un incontro che non riuscirà a dimenticare e che, dopo qualche anno, gli permetterà di conoscere meglio quel luogo così ricco di magia, ma non immagina di certo ciò che il destino ha in serbo per lui. 
Tra i vari personaggi di questo bizzarro circo, Marco e Celia sono quelli che ho trovato più superficiali, per non parlare della sfida che è in atto tra i due, davvero insensata e mal sviluppata. L'autrice descrive perfettamente il mondo del Cirque des Rèves, creando atmosfere uniche e facendo immergere completamente il lettore al loro interno. Purtroppo, però, quello che sembrava l'elemento più importante del romanzo - ovvero la sfida tra Marco e Celia - si è rivelato molto banale e quasi lasciato al caso. Ben più coinvolgente è la storia di Bailey, che è in grado di mostrarci anche le emozioni e i pensieri di questo ragazzino, il cui futuro è pieno di punti interrogativi.

Lo stile è semplice e coinvolgente. Vi sono numerosi salti temporali, ma fortunatamente non creano confusione e permettono una lettura fluida e lineare. Le mie aspettative sono state quasi del tutto soddisfatte, ad eccezione dell'elemento portante del romanzo che, come ho già detto, mi ha lasciata alquanto indifferente e che, a mio parere, non è stato approfondito abbastanza. 
Sebbene la lettura sia scorrevole, l'azione si concentra negli ultimi capitoli, dando una forte accelerata alla storia. 

Se siete alla ricerca di un libro che sappia trasportarvi in luoghi magici, tanto da farvi rimanere senza fiato, e siete curiosi di scoprire cosa accade dietro i tendoni de Le Cirque des Rèves, Il circo della notte fa al caso vostro.

Voto
★★★★✰

martedì 3 ottobre 2017

Segnalazione librosa: Dream Hunters

Buongiorno, cari lettori!
Avete superato anche voi il lunedì senza troppi problemi? Io spero di superare senza difficoltà anche il resto della settimana, che si prospetta pieno di impegni. Oggi voglio presentarvi un romanzo molto interessante, che penso sia perfetto per questo mese e sono sicura che anche chi non ha un ottimo rapporto con il fantasy, ci farà un pensierino. Si tratta di Dream Hunters di Myriam Benothman, edito da Astro Edizioni.


Autore: Myriam Benothman
Casa editrice: Astro Edizioni
Genere: Fantasy
Formato: Cartaceo / Ebook
Numero pagine: 276
Data di pubblicazione: 21 novembre 2016
Prezzo: 10.97€ (cartaceo) / 2.99€ (ebook)
Link d'acquistoAMAZON / Mondadori /
LaFeltrinelli / KOBO / IBS

Trama: Cosa faresti se scoprissi di poter cambiare il corso delle fiabe?
Sophie ha 17 anni e vive a Parigi con il padre. In apparenza una ragazza come tante, finché non si imbatte in un antico libro di favole ed è vittima di un'allucinazione.
Hanno così inizio i suoi sogni vividi e surreali, ambientati in una dimensione popolata da personaggi incantati. La sua vita si sdoppia su binari paralleli che finiscono per confondersi tra loro, con risvolti inaspettati sul mondo reale. Integerrimi principe azzurri e ingenue principesse. O quasi. Un amore avventuroso e proibito. Una presenza oscura in cerca di riscatto.
Finalista del Premio Cittadella 2017 per il miglior fantasy dell'anno, Il ponte illusorio è il primo volume della trilogia Dream Hunters. Una favola moderna adatta a tutte le età, che trascina il lettore in un sogno a occhi aperti, riportando a galla emozioni dimenticate.



L'autrice

Myriam Benothman, italiana nata a Tunisi, è cresciuta a Roma in una famiglia multiculturale.
Quadrilingue con il pallino delle sfide, è la più giovane matricola nella storia dell'università La Sapienza. Si laurea in Scienze politiche e Relazioni internazionali e intraprende una brillante carriera nel mondo del marketing e della comunicazione, diventando Global Head of Digital & CRM in Bulgari (Gruppo LVMH).
Il nonno Alberto Perrini – premiato autore teatrale, critico letterario e giornalista – la invita a coltivare sin da piccola la passione per la scrittura, così lei si dedica alle fanfiction su internet. Pubblicati sotto pseudonimo, i suoi racconti si ispirano a noti manga giapponesi, trovando ampio consenso tra le lettrici che la seguono con affetto da anni. Per saperne di più sul romanzo e la trilogia di Dream Hunters, potete visitare il sito ufficiale.

lunedì 2 ottobre 2017

Novità cinematografiche - Ottobre 2017

Blade Runner 2049

Regia: Denis Villeneuve
Cast: Harrison Ford, Ryan Gosling, Jared Leto e molti altri...

Trama: L'acclamatissimo regista Villeneuve insieme ad un pluripremiato cast, riportano il capolavoro della fantascienza al cinema. Trent'anni dopo gli eventi del primo film.
L'agente K della Polizia di Los Angeles scopre un segreto sepolto da tempo che potrebbe far precipitare nel caos quello che e` rimasto della società. La scoperta di K lo spinge verso la ricerca di Rick Deckard, un ex- blade runner della polizia di Los Angeles sparito nel nulla da 30 anni.

Genere: Fantascienza
Durata: 163 minuti

Al cinema dal 5 ottobre




Renegades

Regia: Steven Quale
Cast: Sullivan Stapleton, Charlie Bewley, Sylvia Hoeks e molti altri...

Trama: Un team di Navy Seals, in missione in Bosnia durante la guerra, viene a sapere di un tesoro d'inestimabile valore nascosto dai nazisti sul fondo di un lago locale e rimasto lì per decenni. Decisi a recuperarlo e restituirlo alla popolazione, il gruppo s'imbarca in una difficile missione non autorizzata. Ma scoperti dal nemico, i Seals avranno una sola notte per cercare di portare a termine la complessa operazione.

Genere: Thriller
Durata: 105 minuti

Al cinema dal 5 ottobre




L'uomo di neve

Regia: Tomas Alfredson
Cast: Michael Fassbender, Rebecca Ferguson, Charlotte Gainsbourg e molti altri...

Trama: Il film è l'adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo del premiato autore norvegese Joe Nesbø.
Investigando sulla scomparsa di una donna, avvenuta subito dopo la prima neve d'inverno, il detective a capo di una squadra speciale anticrimine teme che sia tornato a colpire un inafferrabile serial killer. Grazie all'aiuto di una brillante poliziotta appena trasferita, il detective si trova a riaprire casi irrisolti vecchi di decenni nella speranza di trovare indizi che li colleghino al nuovo efferato delitto e sconfiggere così una mente diabolica oltre ogni immaginazione prima della prossima nevicata.

Genere: Drammatico
Durata: 125 minuti

Al cinema dal 12 ottobre



Il palazzo del Viceré

Regia: Gurinder Chadha
Cast: Hugh Bonneville, Gillian Anderson, Manish Dayal e molti altri...


Trama: A seguito della decisione britannica di rinunciare al possesso dell'India, che notoriamente nel 1947 ottiene l'indipendenza, l'ultimo incarico politico nella futura ex colonia da parte di Sua Maestà è affidato a Lord Mountenbatten nella veste di viceré: si tratta di gestire la delicata transizione del Paese verso la propria autonomia. L'aspetto più complesso è rappresentato dal conflitto apparentemente insolubile fra induisti, musulmani e sikh, che si rifiutano di convivere pacificamente in una stessa nazione nonostante gli insegnamenti di Ghandi.

Genere: Drammatico
Durata: 106 minuti

Al cinema dal 12 ottobre



IT

Regia: Andy Muschietti
Cast: Bill Skarsgård, Owen Teague, Jaeden Lieberher e molti altri...

Trama: L'adattamento cinematografico dell'iconico romanzo horror di Stephen King, ambientato ai giorni nostri.
In una piccola cittadina nel Maine sette bambini conosciuti si trovano ad affrontare alcuni problemi della vita come i bulli del paese ma anche un mostro vero e proprio che si presenta dietro le sembianze di un clown chiamato Pennywise.

Genere: Horror
Durata: 135 minuti

Al cinema dal 19 ottobre





La forma della voce

Regia: Naoko Yamada
Cast: Miyu Irino, Saori Hayami, Aoi Yuki e molti altri...

Trama: Un coraggioso e poetico lungometraggio diretto da una delle voci delle rare registe giapponesi, Naoko Yamada, che racconta con delicatezza e pudore le difficoltà di Shoko Nishimiya, una ragazzina affetta da sordità e vittima del bullismo di un coetaneo, a sua volta vittima di altri compagni. Il film è tratto dall'omonimo manga di Yoshitoki Oima, pubblicato in Italia da Stat Comics. Dopo essersi posizionato come uno dei maggiori incassi della scorsa stagione cinematografica giapponese, è stato presentato con successo al Future Film Festival 2017.

Genere: Animazione
Durata: 129 minuti

Al cinema dal 24 ottobre



Thor: Ragnarok

Regia: Taika Waititi
Cast: Chris Hemsworth, Tom Hiddleston, Jamie Alexander e molti altri...

Trama: Thor: Ragnarok trae ispirazione dalla mitologia norrena. Il sottotitolo stesso della terza avventura del supereroe Marvel rimanda alla leggendaria battaglia tra le forze delle tenebre e quelle della luce.
Per intervenire a difesa del pianeta Terra e dei suoi abitanti, il vanaglorioso principe di Asgard Thor ha messo da parte i nobili natali, la discendenza aliena e i conflitti familiari con Loki, atterrando puntualmente con un tonfo al fianco dei colleghi Avengers tutte le volte che ce n'è stato bisogno. Dopo averlo visto sfidare i componenti più forti della squadra a sollevare il leggendario Mjöllnir, e gongolare nella consapevolezza di essere il solo degno di brandirlo, un potente nemico in gonnella si fa avanti per raccogliere la sfida e disintegra il martello sotto gli increduli occhi del proprietario. La perfida Hela, tornata in libertà dopo millenni di prigionia, minaccia di scatenare la sua ira sul regno di Odino, e l'unico guerriero in grado di fermarla e scongiurare il Ragnarok è disarmato e imprigionato dall'altra parte dell'universo. Indebolito dallo scontro con Hela, Thor è finito nelle mani del Gran Maestro , un avido burattinaio il cui passatempo preferito è far duellare forme di vita inferiori dentro un'arena intergalattica. Ma l'avversario che la sorte riserva al dio del tuono è una vecchia conoscenza, lo scienziato Bruce Banner, nella versione più grossa e arrabbiata. Dopo qualche scaramuccia ai fini dello spettacolo, il "collega di lavoro" Hulk si rivelerà un alleato prezioso per salvare dalla distruzione l'intera civiltà asgardiana.

Genere: Azione

Al cinema dal 25 ottobre



Vittoria e Abdul

Regia: Stephen Frears
Cast: Olivia Williams, Judi Dench, Michael Gambon e molti altri...


Trama: Abdul Karim, umile impiegato indiano, ventenne o poco più, viene scelto per consegnare un omaggio alla regina Vittoria, in occasione del giubileo per i cinquant'anni del regno. Viene scelto esclusivamente in virtù della sua altezza, come a dire per puro caso. Diventerà il servitore, poi il segretario e infine il "Munshi", il maestro spirituale, della regina e imperatrice. La loro amicizia sarà così salda e intima da infastidire e spaventare la famiglia reale e la corte dei più prossimi al trono, al punto che il figlio, Edoardo VII, darà alla fiamme la loro corrispondenza e ogni testimonianza di quella relazione.

Genere: Biografico
Durata: 149 minuti

Al cinema dal 26 ottobre


La ragazza nella nebbia

Regia: Donato Carrisi
Cast: Toni Servillo, Alessio Boni, Jean Reno e molti altri...

Trama: Un piccolo paese di montagna, Avechot. Una notte di nebbia, uno strano incidente. L'uomo alla guida viaggiava da solo. È incolume. Allora perché i suoi abiti sono sporchi di sangue? L'uomo si chiama Vogel e fino a poco prima era un poliziotto famoso. E non dovrebbe essere lì. Un mite e paziente psichiatra cerca di fargli raccontare l'accaduto, ma sa di non avere molto tempo. Bisogna cominciare da alcuni mesi addietro. Quando, due giorni prima di Natale, proprio fra quelle montagne è scomparsa una ragazzina di sedici anni: Anna Lou aveva capelli rossi e lentiggini. Però il nulla che l'ha ingoiata per sempre nasconde un mistero più grande di lei.


Genere: Thriller

Al cinema dal 26 ottobre


Saw Legacy

Regia: Michael Spierig, Peter Spierig
Cast: Laura Vandervoort, Hannah Anderson, Tobin Bell e molti altri...

Trama: Ottavo capitolo della fortunata saga horror, John Kramer sembra essere tornato dopo oltre dieci anni dalla sua scomparsa.
Jigsaw è tornato! Alcuni corpi vengono ritrovati sparsi per la città. Ogni cadavere è stato torturato in modo macabro e particolare. Con l'avanzare delle indagini, gli indizi punteranno ad un unico colpevole: John Kramer. Jigsaw però è morto da oltre dieci anni. Qualcuno avrà preso il suo posto?

Genere: Horror
Durata: 91 minuti

Al cinema dal 31 ottobre

Novità letterarie - Ottobre 2017

Buongiorno e buon inizio settimana, lettori!
Come state? Avete trascorso un buon weekend? Spero voi possiate perdonare la mia assenza durante tutta la scorsa settimana, ma l'inizio della mia avventura universitaria mi ha presa alla sprovvista e mi sono ritrovata a correre contro il tempo, complici anche due test di lingue che ho dovuto affrontare. Ora credo (e spero) di aver trovato quello che sembra essere un equilibrio, almeno per quanto riguarda la programmazione dei post, anche se ci sono ancora moltissime cose che devo organizzare.
Oggi, per iniziare al meglio questo mese - che amo immensamente perché porta con sé l'autunno, la mia stagione preferita - vi propongo i titoli riguardanti libri e film che potremo trovare in libreria e nelle sale nei prossimi giorni.

Origin

Autore: Dan Brown
Casa editrice: Mondadori
Genere: Thriller
Numero pagine: 564

Trama: Il protagonista di Origin è Robert Langdon, professore di simbologia e iconologia religiosa, già reso famoso dai maggiori successi di Dan Brown (Il Codice Da Vinci, Angeli e Demoni, Il simbolo perduto, Inferno) e dai film che ne sono stati tratti.
Nelle prime pagine di Origin, Langdon arriva al Museo Guggenheim di Bilbao per assistere a una conferenza che, secondo l'invito, "cambierà per sempre la storia della scienza". Il relatore speciale della serata è il suo amico ed ex studente Edmond Kirsch, ora magnate dell'industria tecnologica. Le straordinarie invenzioni e le audaci profezie hanno fatto di Kirsch una figura assai controversa in tutto il mondo. Quella sera non farà eccezione, perché Kirsch afferma di essere sul punto di rivelare una scoperta scientifica in grado di sfidare le fondamentali domande dell'umanità: da dove veniamo? E dove stiamo andando?
Quando si alza il sipario, Langdon e le diverse centinaia di ospiti rimangono affascinati dall'originalissimo e spettacolare avvio dell'evento. Ma la presentazione, pur organizzata nei minimi dettagli, prende una piega imprevista e quindi piomba nel caos, proprio poco prima dell'atteso svelamento finale della scoperta di Kirsch. E ora Langdon stesso è in pericolo.
Affrontando nuove minacce, Langdon viene costretto a un disperato tentativo di fuggire da Bilbao. Con lui c'è Ambra Vidal, l'elegante responsabile del museo. I due scappano a Barcellona sulla pista del segreto che dovrebbe sciogliere il mistero della scoperta di Kirsch.
Destreggiandosi nei labirinti del tempo e della religione, Langdon e Vidal sono inseguiti da un nemico spaventoso e potente. Su un sentiero contrassegnato dai simboli dall'arte moderna e da altri segni enigmatici, scoprono gli indizi che li portano a faccia a faccia con la sconvolgente scoperta di Kirsch, e con una verità che nessuno avrebbe mai potuto immaginare.

L'uscita è prevista per il 3 ottobre



Il giglio d'oro

Autore: Laura Facchi
Casa editrice: DeA Planeta Libri
Genere: Young Adult
Numero pagine: 336

Trama: Occhi viola come uno smalto Chanel, capelli bianchi come il ghiaccio e una strana macchia dorata a forma di giglio sulla spalla. Astrid è diversa da tutte le ragazze che conosce e l'ha sempre saputo. Per lei quel fiore che brucia sulla pelle è solo una delle tante stranezze che la rendono un tipo da cui è meglio stare alla larga. Nasconderlo è l'unico modo per sentirsi normale. Anche Kami, a miliardi di chilometri di distanza, vorrebbe sentirsi normale. È il figlio del tiranno di Lundea, che ha messo in ginocchio il pianeta, e cerca un modo per riscattare se stesso e il suo popolo. Kami e Astrid non si conoscono, ma sono più simili di quanto potrebbero mai immaginare. Perché Lundea e la Terra sono pianeti gemelli, uniti da un legame indissolubile di energia. Ogni volta che sulla Terra nasce una persona, ne nasce una anche su Lundea, e quando muore, anche il suo doppio subisce la stessa sorte. Nessuno è immune a questo meccanismo, tranne i Gigli d'Oro. Esseri unici e straordinari che ormai stanno diventando sempre più rari. E mentre Kami cerca il Giglio d'Oro che possa salvare la sua gente, Astrid, sulla Terra, scopre l'amore, proprio quando una verità eccezionale e spaventosa la scaraventa sull'orlo di un baratro in fondo al quale la attende una scelta dolorosa. La più dolorosa di tutta la sua vita.

L'uscita è prevista per il 3 ottobre



C'era una volta a New York

Autore: Cecile Bertod
Casa editrice: Newton Compton Editori
Genere: Romanzo
Numero pagine: 288

Trama: Parigi. Fin da bambina Sophie ha sognato di sposare un nobiluomo con una rendita sufficiente a garantirle il tipo di vita a cui è stata abituata: circoli esclusivi, vestiti d'alta moda, serate di gala. Ma, malgrado l'indiscutibile fascino, non è ancora riuscita a realizzare il suo proposito e, alla soglia dei ventotto anni, sa di non avere più molto tempo a disposizione. Alric, per quanto vecchio e terribilmente noioso, potrebbe rappresentare l'ultima possibilità per sistemarsi e così, una mattina, Sophie indossa il suo abito migliore e lo raggiunge, decisa ad accettare la sua proposta. C'è però una cosa che Sophie non ha previsto: il suo nome è Xavier. Un piccolo-borghese mai visto prima che irrompe nel salotto di rue d'Orsel deciso a infangare il suo buon nome. Xavier sostiene che Sophie non sia affatto la donna che vuol far credere, ma anzi, che un tempo sia stata la sua amante e ora gli nasconda suo figlio. Xavier non intende lasciarla andare prima di averlo ritrovato. Sotto lo sguardo sgomento di Alric, Sophie viene trascinata via e condotta su una nave che salpa per New York. E da quel momento inizia la sua sorprendente avventura...

L'uscita è prevista per il 5 ottobre



Quei piccoli grandi eroi che salvarono i libri

Autore: David Fishman
Casa editrice: Newton Compton Editori
Genere: Romanzo a sfondo storico
Numero pagine: 384

Trama: Vilnius, 1941. Le armate tedesche entrano nella capitale lituana e cominciano a saccheggiare la città ricca di tesori d'arte. Nel frattempo gli ebrei vengono ammassati nei ghetti, e sparatorie e uccisioni sono all'ordine del giorno. Nelle biblioteche della città, i direttori Herman Kruk e Zelig Kalmanovich provano a salvare dei libri, nascondendoli ai nazisti. Quando però gli ufficiali della Einsatzstab Reichsleiter Rosenberg, l'unità speciale nazista incaricata delle confische e dei saccheggi di opere dell'ingegno, iniziano a distruggere documenti importanti, Kruk si impegna a sabotare i loro piani. Nasce così la "Brigata della Carta", un gruppo di uomini e donne che decidono di sfidare la morte per salvare i libri. Costretti a lavorare in condizioni estreme, mettono in atto delle astute strategie per salvare il patrimonio culturale ebraico; con il passare del tempo, la brigata diventa una vera e propria forma di resistenza. Nemmeno la brigata, però, può nulla di fronte alla liquidazione nel ghetto di Vilnius. Alcuni membri si danno alla fuga, altri decidono di rimanere nel ghetto e affrontare il destino che i tedeschi hanno in serbo per loro; pochi sopravvivranno e diventeranno degli eroi, mentre la maggior parte di loro verrà catturata e deportata nei campi di concentramento, dove troverà la morte. Quei piccoli grandi eroi che salvarono i libri è una storia di eroismo, di resistenza, di amicizia, d'amore e di devozione assoluta alla letteratura e all'arte. Ma soprattutto, è una storia vera.

L'uscita è prevista per il 5 ottobre



4, 3, 2, 1

Autore: Paul Auster
Casa editrice: Einaudi
Genere: Romanzo

Trama: 4 marzo del 1947, nasce Archie Ferguson. Questo è il racconto delle sue vite. Vicende che scorrono parallele eppure s'intrecciano nel profondo, come battesse in loro lo stesso cuore. Nella prima Archie è una promessa del baseball che dopo un incidente d'auto deve abbandonare i sogni sportivi. Diventerà un giornalista e morirà in un incendio doloso, poco prima di un evento che avrebbe potuto segnare la svolta della sua carriera. Il secondo dei destini di Archie è il più triste; quello di ragazzino inetto, complessato e preso di mira dai coetanei, che perde la vita, ancora adolescente, durante un campo estivo. Il terzo Archie è invece rimasto orfano di padre e si trasferisce con la madre a New York, dove s'innamora sia della sorellastra sia del fratellastro che non può avere. Scrive di cinema, si trasferisce a Parigi e muore a vent'anni, dopo aver pubblicato il suo unico libro. L'ultimo degli Archie Ferguson come il primo ha la passione del baseball ma smette di giocarci, come il secondo talvolta si sente un inetto, e come il terzo ama invano e vuole fare lo scrittore. E ci riuscirà. Perché lui è il luogo in cui si riuniscono tutti gli altri possibili sé; l'Archie autentico ma comunque frutto di una finzione. Lui è l'autore di 4 3 2 1, che dopo aver partecipato agli amori e ai dolori delle sue versioni alternative, dopo aver sofferto e amato con loro, deve ucciderli perché si compia l'atto romanzesco. Nessuna vita può essere contenuta da una sola storia. 4 3 2 1 racconta le tante trame che compongono ogni identità; le possibili esistenze che giacciono nascoste in ciascuno di noi e che la letteratura ha il potere di liberare e rendere vere.

L'uscita è prevista per il 10 ottobre



Le tre del mattino

Autore: Gianrico Carofiglio
Casa editrice: Einaudi
Genere: Romanzo
Numero pagine: 160

Trama: Antonio è un liceale introverso e apparentemente senza qualità, suo padre un importante matematico; i rapporti fra i due non sono mai stati facili. In un luminoso mattino di giugno dei primi anni Ottanta atterrano insieme a Marsiglia. Il ragazzo ha sofferto di crisi epilettiche e il medico francese che lo ha in cura decide di sottoporlo a un ultimo e decisivo controllo. E quello che i dottori chiamano test di scatenamento: Antonio dovrà restare sveglio per quarantotto ore e, se non avrà ricadute, si potrà dire che è definitivamente guarito. Costretti ad affrontare insieme questa prova inattesa, padre e figlio si incontrano davvero per la prima volta. La loro sarà una corsa turbinosa, a tratti allucinata, fra quartieri malfamati, spettacolari paesaggi marini, club notturni con i loro misteri. Un viaggio, struggente e allegro, sull'orizzonte della vita. Un tempo interminabile e breve che li cambierà, entrambi, per sempre.

L'uscita è prevista per il 10 ottobre



Mirror mirror

Autore: Cara Delevingne e Rowan Coleman
Casa editrice: DeA Planeta Libri
Genere: Young Adult
Numero pagine: 356

Trama: Red, Leo, Naima e Rose. Quattro ragazzi diversi ma uniti da un'unica passione: la musica. E' stata la musica a renderli non solo una band, i Mirror Mirror, ma anche una famiglia. Inseparabili. Almeno fino al giorno in cui Naomi è scomparsa nel nulla e la polizia l'ha ritrovata in condizioni disperate sulle rive del Tamigi. Da quel momento niente è più stato come prima: uno specchio si è rotto e un pezzo si è perso per sempre nelle vite di Red, Leo e Rose. Perché Naomi era la più solare di tutti, l'amica migliore del mondo. Ma in fondo al cuore nascondeva un segreto... Un segreto inconfessabile che nemmeno Red aveva fiutato e che nessuno avrebbe mai potuto immaginare. E mentre Rose si abbandona agli eccessi e Leo si chiude in se stesso, Red non accetta il destino dell'amica: ha bisogno di sapere, di capire. Che cosa ha ridotto Naomi in quello stato? Può davvero trattarsi di un tentato suicidio come crede la polizia? Per scoprire la verità Red dovrà trovare la forza di guardarsi allo specchio, conoscersi e imparare ad amarsi per quello che è. Perché, a volte, bisogna accettare che niente è ciò che sembra e che la realtà può essere capovolta.

L'uscita è prevista per il 10 ottobre



Tartarughe all'infinito

Autore: John Green
Casa editrice: Rizzoli
Genere: Young Adult
Numero pagine: 352

Trama: Indagare sulla misteriosa scomparsa del miliardario Russell Pickett non rientrava certo tra i piani della sedicenne Aza, ma in gioco c'è una ricompensa di centomila dollari e Daisy, Miglior e Più Intrepida Amica da sempre, è decisa a non farsela scappare. Punto di partenza delle indagini diventa il figlio di Pickett, Davis, che Aza un tempo conosceva ma che, pur abitando a una manciata di chilometri, è incastrato in una vita lontana anni luce dalla sua. E incastrata in fondo si sente anche Aza, che cerca con tutte le forze di essere una buona figlia, una buona amica, una buona studentessa e di venire a patti con le spire ogni giorno più strette dei suoi pensieri. Nel suo tanto atteso ritorno, John Green, l'amatissimo, pluripremiato autore di Cercando Alaska e Colpa delle stelle, ci racconta la storia di Aza con una lucidità dirompente e coraggiosa, in un romanzo che parla di amore, di resilienza e della forza inarrestabile dell'amicizia.

L'uscita è prevista per l' 11 ottobre



La rilegatrice di storie perdute

Autore: Cristina Caboni
Casa editrice: Garzanti Libri
Genere: Romanzi
Numero pagine: 320

Trama: La copertina finemente lavorata avvolge le pagine ingiallite dal tempo. Sofia con gesti delicati ed esperti sfiora la pelle e la carta per restaurare il libro e riportarlo al suo antico splendore. La legatoria è la sua passione. Solo così riesce a non pensare alla sua vita che le sta scivolando di mano giorno dopo giorno. Quando arriva il momento di lavorare sulle controguardie, il respiro di Sofia si ferma: al loro interno nascondono una sorpresa. Nascondono una pagina scritta a mano: è la storia di una donna, Clarice, appassionata di arte e di libri. Un'abile rilegatrice vissuta in nel primo Ottocento, quando alle donne era proibito esercitare quella professione. Una donna che ha lottato per la sua indipendenza. Alla luce fioca di una candela ha affidato a quel libro un messaggio lanciato nel mare del tempo, e una sfida che può condurre a uno straordinario ritrovamento chi la raccoglierà. Sofia non può credere al tesoro che ha tra le mani. Quella donna sembra parlare al suo cuore, ai suoi desideri traditi. È decisa a scoprire chi sia, e quale sia il suo segreto. Ad aiutarla a far luce su questo mistero sarà Tomaso Leoni, un famoso cacciatore di libri antichi ed esperto di grafologia. Insieme seguono gli indizi che trovano pagina dopo pagina, riga dopo riga, città dopo città. Sono i libri a sceglierci, e quel libro ha scelto Sofia. Dopo più di duecento anni, solo lei può ridare voce a Clarice. E solo la storia di Clarice può ridare a Sofia la speranza che aveva perduto. Perché la strada per la libertà di una donna è piena di ostacoli, ma non bisogna mai smettere di mirare all'orizzonte. 

L'uscita è prevista per il 12 ottobre



Magic

Autore: V.E. Schwab
Casa editrice: Newton Compton Editori
Genere: Fantasy
Numero pagine: 416

Trama: Kell è uno degli ultimi maghi della specie degli Antari ed è capace di viaggiare tra universi paralleli e diverse versioni della stessa città: Londra. Ci sono la Rossa, la Bianca, la Grigia e la Nera, nelle quali accadono cose diverse in epoche differenti. Kell è cresciuto ad Arnes, nella Londra Rossa, e ufficialmente è un ambasciatore al servizio dell'Impero Maresh, in viaggio alla corte di Giorgio III nella Londra Grigia, la più noiosa delle versioni di Londra, quella priva di magia. Ma Kell in verità è un fuorilegge: aiuta illegalmente le persone a vedere piccoli scorci di realtà ai quali, solo con le proprie forze, non avrebbero mai accesso. Si tratta di un hobby molto rischioso, però, e Kell comincia a rendersene conto. Dopo un'operazione di trasporto illegale andata storta, Kell fugge nella Londra Grigia e si imbatte in Delilah, una strana ragazza che prima lo deruba, poi lo salva da un nemico mortale, e infine lo convince a seguirla in una nuova avventura. Ma la magia è un gioco pericoloso e se vuoi continuare a giocare prima di tutto devi imparare a sopravvivere...

L'uscita è prevista per il 12 ottobre

giovedì 21 settembre 2017

Segnalazione librosa: Afrodite bacia tutti

Buonasera, lettori!
Perdonate l'orario, so che di solito pubblico quando il sole è ancora alto nel cielo, ma oggi devo fare una piccola eccezione, data la quantità di impegni che ho avuto. Per le prossime settimane prometto di organizzarmi come si deve e programmare i post, in modo da non lasciarvi a bocca asciutta!
Oggi ritorno con la prima segnalazione librosa ufficiale da quando il blog è tornato attivo, presentandovi un romanzo molto originale e, a mio parere, molto interessante. Si tratta di Afrodite bacia tutti di Stefania Signorelli, edito da Prospero Editore.


Autore: Stefania Signorelli
Casa editrice: Prospero Editore
Genere: Raccolta di racconti
Formato: Cartaceo / Ebook
Numero pagine: 187
Data di pubblicazione: maggio 2017
Prezzo: 9.90€ (cartaceo) / 4.99€ (ebook)
Link d'acquistoAMAZON

Trama: Miti greci sonnecchiano, ma non troppo, in corpi contemporanei. Perché gli dèi non solo non sono morti, ma godono di ottima salute. Abitano in questi tredici racconti "caleidoscopio" Mida, che non è un re ma ha il vizio dell'oro e teme di condividerlo con gli sbarcati; Narciso, che ama solo se stesso e i selfie che lo ritraggono; Ercole, manovale malinconico con ex moglie molto a carico; Penelope, fedele a una città perduta; la bella Elena, che perde, alla lettera, la propria testa per Paride; Achille, responsabile aziendale delle risorse umane più che annoiato dalla mediocrità che lo circonda; Afrodite, sospirata da tutti (marito Efesto compreso); Pandora, che ha per vaso la propria mente e tenta invano di nasconderci ogni paura; Persefone, in crisi matrimoniale; Arianna, che ha perduto sia Teseo che il filo. E se Anchise è parcheggiato in casa di riposo, ovviamente Megera non può che essere un'ex fidanzata vendicativa quanto machiavellica.

mercoledì 20 settembre 2017

Recensione: Signora Auschwitz - Il dono della parola

Buon pomeriggio, lettori!
Ieri sono finalmente arrivati i risultati del secondo test di ammissione e sono positivi, perciò ora sto facendo tutto ciò che serve per l'immatricolazione e i vari test che mi aspettano. Perdonatemi, quindi, se sarò meno presente del solito, ma prometto di essere il più attiva possibile. Naturalmente, l'università sarà per me qualcosa di nuovo, perciò dovrò imparare a gestire bene i tempi, se voglio mantenere attivo questo angolino. Dopo questo aggiornamento sulla mia vita da studentessa, direi di passare al vero argomento di questo post: la recensione di un libro che ho letto il mese scorso, Signora Auschwitz - Il dono della parola di Edith Bruck, che ho trovato davvero interessante.


Autore: Edith Bruck
Casa editrice: Marsilio
Genere: Biografia
Formato: Cartaceo
Numero pagine: 93

Trama: «Un'impacciata studentessa rivolgendomi una domanda mi chiamò "Signora Auschwitz". Luogo che abitava il mio corpo e che mi sentivo anche addosso, come una camicia di forza sempre più stretta, che negli ultimi due anni mi stava letteralmente soffocando, senza che fossi capace di liberarmene.» Ha inizio così il viaggio negli oscuri tormenti dell'anima di una "sopravvissuta", destinata a dibattersi tra i lacci di una memoria cui non si scappa e il desiderio di liberarsi del peso insopportabile di un passato che la inchioda nel ruolo di "testimone". Obbligata a rendere conto di un orrore che non si lascia raccontare e rinnova il sentimento di una perdita irreparabile, la "sopravvissuta" non può andare "oltre" e ritrovare una serena normalità, è costretta ogni volta a ricominciare da capo. Eppure al destino non si sfugge e "il dono della parola" è anche il suo eterno tormento; il dovere di non dimenticare si capovolge nella condanna a ricordare e soffrire e il desiderio di fuga riaccende un insopprimibile senso di colpa, come se il silenzio sottintendesse un vergognoso tradimento. Un racconto sul dolore della memoria, la distanza che allontana dall'indifferenza degli altri, la disperazione di fronte all'incredulità, l'eroismo necessario per raccontare l'orrore che si è vissuto. «Chi ha Auschwitz come coinquilino devastatore dentro di sé, scrivendone e parlandone non lo partorirà mai.»


RECENSIONE


Da sempre mi interesso alla Seconda guerra mondiale, al genocidio degli ebrei, e ho avuto più volte occasione di partecipare agli incontri con i sopravvissuti. Mi sono sempre seduta in una delle poltrone rosse del teatro, tra le file di poltrone in cui sedevano altre persone, altri studenti come me, e ascoltavo con interesse i racconti di coloro che erano sul palco, molto spesso affiancati da un traduttore. Mentre parlavano, cercavo di immaginare ciò che avevano passato e che ora, a distanza di anni, facevano riemergere nella loro memoria. Non mi sono, però, mai fermata a riflettere davvero se ciò che stavano facendo recava loro qualche danno. Certamente ero consapevole del dolore che quei ricordi provocavano, ma non avrei potuto immaginare quali altri sentimenti potessero provare in quelle ore di testimonianza.

Edith Bruck, nata in Ungheria in una famiglia povera, era solo una bambina quando è stata costretta a vivere l'orrore della Seconda guerra mondiale e dei lager nazisti. In Signora Auschwitz - Il dono della parola racconta dei suoi incontri con gli studenti, delle sue impressioni in quelle ore di testimonianza (domande rivoltele da alcuni alunni, comportamenti positivi e negativi da parte dei partecipanti), ma anche della sua vita in Ungheria, con una madre molto religiosa, un padre molto taciturno e lei che già da bambina iniziava ad interrogarsi sull'esistenza di Dio. Il periodo peggiore, quello nei lager, ci viene descritto attraverso i racconti delle testimonianze, toccando a volte anche questioni più delicate o altre più bizzarre. Edith stessa rimane quasi scandalizzata ascoltando le domande che qualcuno del pubblico le porge. Ci mostra le lettere che ha ricevuto da alcuni spettatori, che sono rimasti colpiti dalla sua storia o che, più semplicemente, vogliono farle sentire il loro sostegno. 
Edith, però, ci rende partecipi anche della sua situazione medica, caratterizzata da uno stress continuo, che più volte la spinge a pensare di cancellare tutti i suoi appuntamenti, di ritirarsi dal testimoniare l'orrore di cui è stata protagonista. Tutto ciò ce lo racconta in modo spigliato, senza romanzare gli aspetti più crudi e terribili di ciò che le è capitato, e cercando ancora oggi di rispondere a domande a cui non ha trovato risposta. Il messaggio che ci arriva forte e chiaro è che Auschwitz e l'esperienza nei lager non si dimenticano. Ma l'autrice vuole scavare più nel profondo, facendo capire al lettore che ciò che ha dovuto passare non è stato chiuso a chiave in un cassetto; ci fa capire che Auschwitz, oltre a lasciare segni indelebili sulla pelle, ha lasciato segni indelebili anche nella memoria, è diventato come un bambino che si porta in grembo per sempre, come un inquilino devastatore dentro di sé. Grazie a Edith Bruck, al suo punto di vista contenuto in questo piccolo volume, sono riuscita a capire meglio le emozioni, le sensazioni e i sentimenti di coloro che salgono sul palco a testimoniare e che, sebbene sia doloroso, raccontano, in modo che noi possiamo tramandare la storia alle generazioni future.

Voto
★★★★✰

sabato 16 settembre 2017

Promozione ebook: L'organizzazione segreta - Il mistero dei musicisti scomparsi di Sonia Roccazzella

Buongiorno, lettori!
Non sono solita pubblicare durante il fine settimana, ma oggi faccio un'eccezione perché è in corso una promozione da non perdere. Fino a martedì 19 settembre potrete acquistare gratuitamente la copia digitale del romanzo L'organizzazione segreta - Il mistero dei musicisti scomparsi di Sonia Roccazzella su Amazon. Scopriamo insieme qualche informazione in più sul romanzo.


Autore: Sonia Roccazzella
Casa editrice: Autopubblicato
Genere: Young Adult
Formato: Ebook
Data di pubblicazione: marzo 2013
Link d'acquistoAMAZON

Trama: Una storia divertente e originale, adatta a un pubblico prevalentemente femminile, in cui l'elemento di spicco è rappresentato da un intricato caso di musicisti rapiti sullo sfondo di una tenera storia d'amore che cerca di prendere il volo nel corso di tutto il romanzo, fino a sfociare in un inaspettato finale a sorpresa.
Claudio, Gioele, Danilo, Paolo e Furio sono i componenti di una storica rock band italiana esplosa in tutto il mondo a metà degli anni Novanta, successivamente sciolta a causa di problemi personali: la lite tra il cantante Claudio e il bassista Gioele, che nel corso dell'ultimo tour insieme si sono contesi la stessa ragazza.
Insieme con Luna, intraprendente giornalista della capitale, e con Brando, famoso detective che collabora con le forze di polizia di tutto il mondo, i ragazzi si ritrovano al centro di un intricatissimo caso di musicisti rapiti e di un discografico scomparso. A tenere in mano le redini delle loro sorti c'è un'organizzazione segreta, capitanata da un folle e affascinante uomo d'affari inglese, che trama per accaparrarsi i diritti delle canzoni più famose del mondo. Un'avventura decisamente rock, ambientata nel mondo della musica intesa come oggetto di affari senza scrupoli. Un colpo di scena dietro l'altro, a suon di battute divertenti e con un ampio risalto al sentimento più bello che ciascuno di noi conosce e cerca di preservare sempre e comunque: quello dell'amicizia.



La promozione è valida fino a martedì 19 settembre
E' sempre disponibile la lettura gratuita su KindleUnlimited.


L'autrice

Nata a Catania il 04/06/1975, Sonia Roccazzella ha una grande passione per la lettura dei grandi classici e la scrittura di racconti e romanzi, che scrive dall'età di quattordici anni.
L'Organizzazione Segreta (il mistero dei musicisti scomparsi) è il suo terzo libro pubblicato, uscito nel 2013 in edizione cartacea per Photocity Edizioni; nel 2016 in formato digitale per Kindle.
Il primo, Quando il Cuore Dice No, è uscito nel 2008 in edizione cartacea per Boopen Editore; nel 2016 in formato digitale per Kindle. Il secondo, La Ragazza dell'Hotel, è uscito nel 2012 in edizione cartacea per Photocity Edizioni; nel 2015 in formato digitale per Kindle. Il quarto, La Ragazza Bionda sulla Panchina, è uscito nel 2017 in edizione digitale e cartacea per Amazon.
La caratteristica principale di Sonia è la capacità di esporre in maniera fresca e leggera i suoi racconti, in modo da rendere la lettura fluida e scorrevole per tutti. Il suo obiettivo costante è studiare una forma di comunicazione d'impatto, che frase dopo frase, battuta dopo battuta, sia in grado di abbattere una delle barriere più diffuse ai giorni nostri: la repulsione dei giovani nei confronti dei libri.

venerdì 15 settembre 2017

Recensione: La strana biblioteca

Buongiorno e buon venerdì, lettori!
Siete pronti per trascorrere un tranquillo fine settimana e ricaricare le energie? Oggi vi parlo di un libro di poche pagine, che però è riuscito a coinvolgermi e suscitare in me tante emozioni. Lo avevo in lista da diverso tempo e, dato che sto cercando di recuperare tutti i romanzi di Haruki Murakami, uno dei miei autori preferiti, ho deciso di iniziare con La strana biblioteca.


Autore: Haruki Murakami
Casa editrice: Einaudi
Genere: Narrativa
Formato: Cartaceo
Numero pagine: 73

Trama: Tornando a casa dopo la scuola, uno studente si ferma in una strana biblioteca. Certo, anche la sua richiesta è un po' strana. Chiede alla bibliotecaria qualche libro che possa soddisfare la sua ultima curiosità (è un bambino curioso, il nostro protagonista): la riscossione delle tasse nell'impero ottomano. La bibliotecaria lo manda alla stanza 107. Qui l'aspetta un altro bibliotecario, ancora più bizzarro della prima: "aveva la faccia coperta di piccole macchie nere, come tanti moscerini. Era calvo e portava occhiali dalle lenti spesse. La sua calvizie non era uniforme. Tutt'intorno al cranio gli restavano ciuffi di capelli bianchi ritorti, come in un bosco dopo un incendio". E davvero una ben strana biblioteca, questa! Il bibliotecario accompagna il bambino attraverso un labirinto di corridoi e stanze, finché non arrivano in una stanza dove riposa un piccolo uomo vestito con una pelle di pecora. E qui le cose si fanno brutte: il bibliotecario e l'uomo-pecora spingono il piccolo in una cella. Il bambino rischia di fare una fine terribile se non arrivasse in suo soccorso una ragazza sconosciuta...


RECENSIONE


La strana biblioteca narra la bizzarra storia di un ragazzino che, tornando a casa da scuola, si ferma in biblioteca per prendere in prestito un libro. Si tratta di un libro particolare, che tratta della riscossione delle tasse nell'impero ottomano, e viene mandato nella stanza 107. Qui lo attende uno strano personaggio, che si presenta come bibliotecario addetto alla ricerca di libri rari o poco conosciuti. Dopo averlo informato che il libro da lui richiesto non può uscire dalla biblioteca, lo accompagna nella sala lettura, in cui arrivano dopo aver percorso corridoi lunghissimi, che formano un vero e proprio labirinto. Si renderà ben presto conto di essere finito in trappola e che solo gli strani personaggi che incontrerà potranno aiutarlo.

Grazie alle parole dell'autore e alle illustrazioni di Lorenzo Ceccotti, questo piccolo volume contiene una storia tanto bizzarra, quanto magica. Presto facciamo la conoscenza dell'Uomo-pecora, che appare come un suddito con la passione per i dolci. Infatti, si preoccuperà di portare regolarmente una porzione di donuts al prigioniero. Oltre a lui, vi è un'altra presenza all'interno del labirinto: una ragazza-fantasma, che terrà compagnia al ragazzino ogni sera. Gli intenti del bibliotecario non sono per niente rassicuranti, perché in fondo siamo davvero sicuri che le biblioteche siano posti sicuri?
La narrazione riesce a far immergere il lettore nella storia e, sebbene si tratti di un libro che si legge tutto d'un fiato, ho girato l'ultima pagina domandandomi se Murakami non volesse trasmettere un messaggio con questo racconto, se forse mi stavo perdendo qualcosa. Alla fine, ho accettato la storia per ciò che è, ovvero un racconto di fantasia molto coinvolgente.
Ancora una volta, sono rimasta affascinata dallo stile dell'autore e, sebbene non si tratti di un'opera di grande spessore, ho davvero apprezzato il modo in cui mi sono sentita coinvolta e trasportata al fianco del ragazzino, conoscendo l'Uomo-pecora e la ragazzina e diffidando sin da subito di quel bizzarro bibliotecario.
Consiglio la lettura di questo libro a coloro che vogliono immergersi per un'oretta in un mondo all'apparenza normale, ma che nasconde un po' di magia al suo interno. 

Voto
★★★★✰

mercoledì 13 settembre 2017

Recensione: Il racconto dell'Ancella

Buongiorno, lettori!
Oggi per me sarà una giornata in cui l'ansia avrà un ruolo abbastanza importante, perché avrò i risultati del primo test di ammissione. Ovviamente, dita incrociate! Parlando d'altro, lo scorso mese ho finalmente attivato il servizio della biblioteca online e sono rimasta stupita nel vedere quanti titoli interessanti ci sono. Spero di riuscire a provare presto il servizio, ma oggi voglio concentrarmi su un romanzo che ho fatto riemergere dal magazzino della mia biblioteca comunale - dove era stato dimenticato dall'89 - e che racconta una storia per niente facile. Ecco la mia opinione su Il racconto dell'Ancella di Margaret Atwood.


Autore: Margaret Atwood
Casa editrice: Mondadori
Genere: Distopico
Formato: Cartaceo
Numero pagine: 320

Trama: In un mondo devastato dalle radiazioni atomiche, gli Stati Uniti sono divenuti uno stato totalitario, basato sul controllo del corpo femminile. Le poche donne in grado di avere figli, le "ancelle", sono costrette alla procreazione coatta, mentre le altre sono ridotte in schiavitù. Della donna che non ha più nome e ora si chiama Difred, cioè "di Fred", il suo padrone, sappiamo che vive nella Repubblica di Gilead, e che può allontanarsi dalla casa del padrone solo una volta al mese, per andare al mercato. Le merci non sono contrassegnate dai nomi, ma solo da figure, perché alle donne non è più permesso leggere. Apparentemente rassegnata al suo destino, Difred prega di restare incinta, unica speranza di salvezza; ma non ha del tutto perso i ricordi di "prima"...


RECENSIONE


Affiancato a 1984 di Orwell, ma in una versione tutta al femminile, Il racconto dell'Ancella si apre in medias res, catapultando il lettore all'interno di un mondo, di una società, del tutto rivoluzionata. Dopo una catastrofe ecologica, che ha devastato la Terra con l'inquinamento chimico e radioattivo, negli Stati Uniti si è instaurato un regime totalitario teocratico di ispirazione biblica, la Repubblica di Galaad. Qui le donne non sono più libere come un tempo, ma il loro unico scopo è la procreazione. Quelle non fertili o troppo anziane vengono denominate "Nondonne" ed eliminate. Tutto ciò che è contro la procreazione è condannato e vietato, così come è vietata qualsiasi forma di informazione o di svago intellettuale. La Repubblica di Galaad è il luogo in cui è costretta a vivere Difred, la voce narrante del romanzo, protagonista di questa storia e donna che ancora non ha dimenticato il proprio passato e la vita di prima...

Sin dalle prime pagine, mi sono ritrovata al fianco di questa donna, il cui vero nome non sarà mai noto, ma che conosciamo come Difred, e insieme a lei ho scoperto piano piano questo nuovo mondo, la Repubblica di Galaad, e le sue leggi. L'autrice non dà mai coordinate temporali e spaziali troppo precise, ma ci assicura che c'era un prima e che ora ci troviamo nel disastroso dopo.
Difred ci accompagna nella sua quotidianità, spiegandoci perché le ancelle escono sempre in coppia, chi sono le Marte e che ruolo hanno il Comandante e la Moglie del Comandante. A tutto ciò, però, intervalla i ricordi di un passato che non è riuscita a dimenticare, come tutto è iniziato e l'ossessivo domandarsi che fine hanno fatto i suoi cari. Ci racconta come è cambiata la città in cui si trova, in cui prima i negozi erano simboleggiati da un logo o una scritta, mentre ora hanno solo l'immagine di ciò che si vende all'interno; il Muro, un luogo di tristezza e sofferenza, speranza e certezza allo stesso tempo. La Atwood è riuscita a creare una realtà distopica che fa rimanere senza fiato, non lasciando niente al caso e, sebbene tutto si riveli lentamente, creando un senso di spaesamento iniziale, si assicura che tutto venga spiegato a tempo debito dalla voce narrante. 
Ci sono due finali in questo romanzo: il primo interrompe tutto improvvisamente, lasciando il lettore con tante domande a cui non riceverà mai risposta; il secondo ci trasporta in avanti nel tempo, rivelandoci la verità nascosta dietro a quelle pagine e interrogandosi a sua volta sul destino di quella donna che, nonostante i suoi dubbi e le sue paure, si è armata di coraggio e ha affrontato il suo destino.
Rispetto a 1984, libro che ho letto e amato, Il racconto dell'Ancella fa nascere nel lettore una speranza che resta viva fino alla fine e che persiste anche una volta conclusa la lettura. Il beneficio del dubbio che ci concede la Atwood lo rende inevitabile.

Voto
★★★★✰