venerdì 23 dicembre 2016

Recensione: I racconti degli Speciali

Buon pomeriggio, lettori!
E' già venerdì, il weekend di Natale è alle porte e io ancora non ci credo. Il tempo è davvero volato questa settimana e ora non resta che prepararci a pranzi e cene che ci faranno rotolare! 
Prima di salutarvi e augurarvi buone feste, voglio parlarvi di un libro che con il Natale non ha nulla in comune, ma che io ho trovato davvero perfetto come lettura del mese. Si tratta della raccolta di racconti degli Speciali di Ransom Riggs, che ha racchiuso in questo volume tutti i più importanti racconti con cui gli Speciali sono soliti intrattenersi e che le ymbryne raccontano loro.
Non vi dico altro e vi lascio alla recensione!


Autore: Ransom Riggs
Casa editrice: Rizzoli
Genere: Fantasy
Formato: Cartaceo
Numero pagine: 224

Trama: Quella degli Speciali è una storia antica, che comincia molto prima dell'arrivo di Miss Peregrine; è una storia che riecheggia mi-steri e stravaganze, ed è custodita in questa raccolta di racconti curata proprio da uno Speciale, Millard Nullings, il ragazzo invisibile ospite della casa di Miss Peregrine. All'interno di queste storie dal retrogusto fiabesco, e talora venate da un'atmosfera gotica, si muovono personaggi fantastici, spesso spaventosi, ma anche divertenti e assolutamente bizzarri: una principessa squamosa dalla lingua biforcuta; una ragazzina spericolata, amica degli incubi; un ragazzo capace di parlare al mare; e una strampalata comunità di facoltosi e raffinati cannibali. Tutti ci accompagnano in un singolare viaggio agli albori della società degli Speciali, trasportandoci nella sala macchine di un universo parallelo e affascinante. Superbamente illustrata dai disegni di Andrew Davidson, I racconti degli Speciali è un'antologia che non può mancare nella biblioteca di tutti i fan di Miss Peregrine, e che catturerà per sempre chi ancora non lo è. Qui, fra queste pagine, ogni storia è un mondo, lo stesso mondo che Jacob, Emma e la loro multiforme comitiva di ragazzi e bambini attraversano nelle fantastiche avventure della trilogia di Ransom Riggs.


RECENSIONE


Quando ho letto dell'uscita di questo volume della trilogia, che originariamente volevo acquistare in lingua originale, ma dopo aver visto il prezzo ho cambiato idea, ho fatto i salti di gioia, anche perché avevo da poco terminato la lettura de La biblioteca delle anime.
Ebbene, dopo averlo finalmente avuto tra le mie mani, l'ho iniziato praticamente subito. Cosa vi posso dire? Non esiste una trama, essendo una raccolta di racconti dovrei parlarvi della storia di ognuno, ma non penso sia giusto, perdereste la magia della scoperta.
Così ho pensato di parlarvene a grandi linee, sottolineando gli aspetti che ho amato e quelli che non ho apprez... no aspettate, non ce ne sono!
I racconti degli Speciali racchiude in sé dieci racconti, oltre alla prefazione di Millard Nullings, il ragazzo invisibile che avevamo conosciuto nella trilogia e che ritroviamo nei panni di curatore della raccolta. Ogni storia ha una morale e, pur avendo come protagonisti degli Speciali, si possono applicare anche nella vita reale. Se guardo l'elenco delle storie, non credo di essere in grado di sceglierne una e dirvi che è la mia preferita. Certo, alcune come La donna che era amica dei fantasmi e La ragazza che domava gli incubi mi sono piaciute davvero molto, ma tutte mi sono piaciute davvero molto, perciò non farò nessuna classifica.
Pur essendo una raccolta destinata a tutti, anche a coloro che non hanno letto la trilogia di Riggs, ho notato che le storie sono narrate in modo più esplicito, come accadrebbe nella realtà, e che alcune contengono particolari macabri e scene che le persone più facilmente impressionabili potrebbero non apprezzare del tutto. Io vi ho avvisati, ma non credo sia giusto accantonarlo solo per questo!
La narrazione è senza dubbio molto scorrevole e coinvolgente, non si perde nella descrizione dei particolari, ma ogni storia riesce comunque a prendere forma nella mente del lettore.
Ogni racconto è preceduto e rappresentato da un'illustrazione di Andrew Davidson, che ho adorato. La grafica del libro l'ho trovata magnifica, ben curata e non troppo invasiva. La copertina, poi, è meravigliosa.
Una lettura che bramavo da tempo, che ho trovato perfetta per questo mese e grazie a cui ho riscoperto il piacere dei racconti. E' un libro molto veloce, poco più di duecento pagine, e se non volete leggerlo tutto d'un fiato come ho fatto io, potete intervallare una lettura più impegnativa con qualche racconto. 
Senza dubbio una delle migliori letture dell'anno!


Voto
★★★★★

2 commenti:

  1. lo sto aspettando e non vedo l'ora di leggerlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Super consigliato, a me è piaciuto tantissimo *-*
      Buone letture ❤

      Elimina