mercoledì 21 settembre 2016

Curiosity Time: IT - Stephen King

Buon pomeriggio nuvoloso, lettori e lettrici!
Dopo aver sospeso l'appuntamento con questa rubrica il mese scorso, a settembre si riparte con il piede giusto, riprendendo tutte le rubriche - o quasi.
L'appuntamento di oggi è un po' particolare: ieri era infatti il trentesimo anniversario della pubblicazione del romanzo IT, di Stephen King.
Prima di iniziare, vi invito a leggere il post dedicato di Ilenia del blog Libri di Cristallo, che ho trovato davvero interessante.
Con il mio solito ritardo, stavolta solo di un giorno, vi voglio parlare delle curiosità riguardanti sia il libro, sia il film, che ho trovato girovagando sul web.


IL ROMANZO

IT è un romanzo appartenente al genere horror, scritto da Stephen King e pubblicato nel 1986.
Racconta la storia di sette amici provenienti dalla città di Derry, nel Maine, alternando due periodi di tempo differenti.
E' considerato il capolavoro di King, ed è una lunga e sinistra saga corale che si espande tra orrori inquietanti e drammi umani senza speranza, trattando i temi che in seguito diventeranno il simbolo dell'autore: la forza soverchiante della memoria, la profonda incisività dei traumi infantili, il prezzo della violenza occultata dietro una fragile maschera di felicità, la grettezza e la bassezza umana nascosta dietro le apparenze di una ridente e piccola cittadina.

CURIOSITA'

Il romanzo è stato cominciato a Bangor, nel Maine, il 9 settembre 1981 e terminato nello stesso luogo il 28 dicembre 1985.
Nonostante prenda maggiormente le connotazioni di un classico della letteratura horror, la fine della storia svolta decisamente verso un tipo di ambientazione fantasy, che King delineerà meglio e in tutta la sua totalità durante la stesura della saga della Torre Nera.
Vi è anche un punto in comune con Shining: in una pagina del suo libro, infatti, lo scrittore inserisce il nome del cuoco di colore Dick Hallorann, che grazie alle sue doti paranormali, riuscirà a salvare alcuni dei suoi amici (tra cui il padre di Mike Hanlon) dal terribile incendio del Punto Nero, una scalcinata locanda adibita a luogo di ritrovo per persone di colore.
Non mi stupirei più di tanto, perché un'altra curiosità è che tutti e sette i personaggi del libro hanno caratteristiche che li rendono degli emarginati. Le avete già trovate?
Parlando di geografia, la città di Derry, in cui si svolge la storia, si ritrova in altri romanzi dell'autore, come Insomnia, L'acchiappasogni 22/11/63.

LA MINISERIE 

Come quasi tutti voi saprete, da questo romanzo è stata tratta una miniserie televisiva altrettanto inquietante, diretta da  Tommy Lee Wallace e andata in onda nel 1990.
Vi sono alcune differenze con il romanzo, vi starete chiedendo? Ebbene sì e chi di voi ha sia letto il libro, sia visto questa miniserie lo sa bene.
Ve ne cito alcune, quelle che mi hanno incuriosita di più: una cosa che può risultare ovvia è che nella miniserie la trama viene narrata in modo più lineare rispetto al romanzo.
Il primo omicidio della miniserie, quello della bambina in triciclo, avviene nel tempo presente. Nel romanzo avviene in realtà nel 1958 ma era un bambino di tre anni.
Nella miniserie, non vengono specificate le origini di It, è del tutto assente la storia del rito di Chud e non vi è traccia della Tartaruga leggendaria; essa, nel racconto scritto, proteggeva i Perdenti dai primi attacchi di It e questo è il motivo per cui nello sceneggiato di Wallace, negli incontri in singolo col mostro, It non riesce ad uccidere nessuno dei Perdenti, e si limita solo a minacciarli di non fermarlo.

CURIOSITA'

Nel romanzo, il cinema di Derry si chiama Aladdin mentre nella miniserie si chiama Paramount. La spiegazione a tutto ciò si può trovare nel luogo in cui è stata girata la miniserie: essa, infatti, fu girata a New Westminster, nella provincia canadese della Columbia Britannica. Un ex cinema realmente esistito a New Westminster, il Paramount, appare in diverse scene, perciò immagino abbiano pensato che era più facile cambiare il nome del cinema che tutta l'insegna.
Il trucco di Pennywise è stato cambiato più volte durante le riprese, tanto che ci sono locandine in cui esso ha espressioni diverse da quelle della miniserie.
La critica più diffusa alla miniserie consiste nella scarsa fedeltà al romanzo di Stephen King, dovuta, oltre all'evidente necessità di non estendere eccessivamente il metraggio per la televisione, a ragioni legate alla censura di temi particolarmente inadeguati a un pubblico televisivo (tematiche sessuali innanzitutto) nonché a precise limitazioni di budget da parte della produzione.
L'ultima curiosità prima di salutarvi riguarda ancora una volta Pennywise: nel commento audio presente nel DVD, i membri del cast hanno affermato che l'interpretazione di Pennywise da parte di Tim Curry era così realistica e inquietante che, durante le riprese, in molti si spaventavano per davvero ogni qualvolta l'attore era presente sul set.

Fonte
Wikipedia
Stephen King Only


Allora, amanti dell'horror e non, cosa ne pensate? A me personalmente incuriosisce molto il romanzo e, sebbene abbia visto la miniserie diversi anni fa, sarebbe l'occasione giusta per recuperarla.
Vi ricordo che la Warner Bros ha già iniziato a lavorare al remake di IT, la cui uscita nelle sale americane è prevista per settembre 2017 e sono molto curiosa di vederlo.
Non mi resta che darvi appuntamento al prossimo mese con un nuovo Curiosity Time. Stay tuned!

8 commenti:

  1. Io invece dico di amare tanto King ma It non l'ho ancora letto... sarà che ho il terrore dei clown e già il film mi ha inquietata parecchio, se poi mi mettessi a leggere il romanzo (King ha la meravigliosa capacità di farti venire la pelle d'oca con due semplici parole) non so che fine farei! Probabilmente chiusa a chiave in camera xD
    Bel post comunque, soprattutto la parte delle curiosità, molto interessante :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eilidh, sono felice che il post ti piaccia! :)
      Io ho letto solo un romanzo di King, Joyland, ma ce ne sono altri che vorrei recuperare.
      La miniserie, come scritto sopra, l'ho vista anni fa e mi piacerebbe rivederla!

      Elimina
  2. Io sono rimasta traumatizzata dal film. Avevo 4 anni e mio fratello (con cui ho sempre condiviso la camera) lo guardava credendomi addormentata. Ho avuto paura di andare in bagno da sola per almeno un mese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, che brutto! D:
      E' comprensibile il tuo trauma, ma penso anche che non lo riguarderai mai più!

      Elimina
  3. Come avevo già detto, sono contena di averti ispirato il post u.u
    E' stato bello scoprire qualche altra curiosità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho trovato il tuo post davvero interessante e mi fa piacere che le curiosità ti siano piaciute ❤

      Elimina
  4. Molto interessante questo post.
    Non sono un'amante degli horror ma mia sorella si, e questo film è stato uno dei più inquietanti che abbia mai visto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ero un'amante dell'horror, ma negli ultimi anni questo amore è calato abbastanza...
      IT è senza dubbio molto inquietante, spero di aver occasione di riguardarlo presto. In ogni caso, sono felice che il post ti sia piaciuto! ^^

      Elimina